Vai al contenuto
Giorgio Pasotti in Racconti Disumani

Giorgio Pasotti in Racconti Disumani
Da Franz Kafka
Uno spettacolo di Alessandro Gassmann

Produzione: TEATRO STABILE d’ABRUZZO e Stefano Francioni Produzioni
Regia: Alessandro Gassmann
Aiuto Regia: Gaia Benassi
Adattamento: Emanuele Maria Basso
Videografie: Marco Schiavoni
Scene: Alessandro Gassmann
Musiche: Pivio e Aldo De Scalzi
Costumi: Mariano Tufano
Light designer: Marco Palmieri

Due straordinari artisti come Alessandro Gassmann e Giorgio Pasotti si misurano con le parole di Franz Kafka, due “racconti disumani” per parlare, Pasotti interpretando e Gassmann dirigendo, agli uomini degli uomini.

“Una relazione per un’Accademia” e “La tana”, due storie di animali, sembrerebbero, una che mette a nudo la superficialità di un modo di essere attraverso comportamenti stereotipati e facili, l’altro che racconta quel bisogno di costruirsi il riparo perfetto che ci metta al sicuro da ogni esterno.

Una relazione per un’Accademia è stato pubblicato la prima volta nel 1917, protagonista una scimmia che racconta come, in cinque anni, si adegua al sistema umano per uscire dalla gabbia nella quale l’hanno rinchiusa dopo la cattura e guadagnare un fac-simile di libertà.

La narrazione in prima persona, divertita e distaccata, ripercorre lo studio delle abitutidini degli uomini che con sorprendente facilità possono essere imitate e replicate.

“La prima cosa che ho imparato è stata la stretta di mano; una stretta di mano dimostra franchezza; ora che sono al vertice della mia carriera, possa anche una parola franca raggiungere quella prima stretta di mano. Una tale parola non aggiungerà novità essenziali e rimarrà molto al di sotto di ciò che mi si richiedeva, ma deve mostrare quale sia la linea di sviluppo di chi, un tempo scimmia, è riuscito a entrare e a stabilirsi saldamente nella comunità umana. Non potrei tuttavia dire io stesso quel poco che seguirà se non fossi pienamente sicuro di me stesso e se la mia posizione su tutti i palcoscenici di varietà del mondo civilizzato non fosse ormai incrollabile.”

La tana è uno degli ultimi racconti dell’autore boemo Franz Kafka, è stato scritto durante la sua permanenza a Berlino nel 1923, e pubblicato postumo ed incompiuto per la prima volta nel 1931.

Racconta del continuo, disperato sforzo intrapreso dal protagonista, per metà roditore e per metà architetto, di costruirsi un’abitazione perfetta, un elaborato sistema di cunicoli costruiti nel corso di un’intera vita, per potersi proteggere da nemici invisibili.

E, nel tentativo di lasciare tutto fuori, costruisce passaggi e corridoi, e nuovi tunnel che portano al niente dei vicoli ciechi, una ricerca della sicurezza ossessiva che genera solo ansia e terrore.

Racconti disumani

Racconti disumani

presso Teatro ridotto (L'Aquila)

Racconti disumani

Racconti disumani

presso Teatro ridotto (L'Aquila)

Racconti disumani

Racconti disumani

presso Teatro Francesco Paolo Tosti (Ortona)

Racconti disumani

Racconti disumani

presso Teatro Marrucino (Chieti)

Racconti disumani

Racconti disumani

presso Teatro Marrucino (Chieti)