Marco Bonini in Povero Ulisse

Marco Bonini in POVERO ULISSE

Prodotto da: Stefano Francioni Produzioni
Scritto da: Marco Bonini
Musiche: Roberto Colavalle

Ulisse, è davvero la più perfetta – ancora oggi – metafora dell’uomo occidentale e dell’uomo moderno.

È un personaggio saggio, astuto, spesso paraculo, che ha un interessante rapporto con le donne. E si perchè Ulisse nel suo viaggio incontra molte donne che lo hanno reso ancora più interessante. L’eroe greco incontra donne, Dee e Ninfe e semidee con cui instaura rapporti diversi e che ne condizionano il viaggio, nel bene e nel male, finendo nella maggior parte dei casi con il garantirne la sopravvivenza.

Eppure, nessuna delle diverse e bellissime figure femminili che entrano in relazione intima con Ulisse, nessuna riesce però mai a distoglierlo… del tutto… dal desiderio di tornare da Penelope, dalla sua famiglia, ad Itaca, a casa. E tuttavia questo suo desiderio quasi ossessivo rimane… al lungo… solo desiderato.

Ulisse ha scelto di partire liberamente. Sostiene che lo debito amore per Penelope, la pieta del vecchio padre, la dolcezza per Telemaco…non era sufficiente a vincer l’ardore che ebbe a divenir del mondo esperto, e così prese l’alto mare aperto. E allora se il desiderio di partire è così forte perchè è così ossessionato dal ritorno?

Se Penelope è la meta, il premio, la mortale che viene preferita alle molte, belle e potenti dee che gli promettono addirittura la divinità. Perchè è partito? O Perchè non torna subito? Cosa lo trattiene 7 anni con Calipso, 2 anni con Circe, 3 settimane con Nausica, più varie Ninfe, Dee, Sirene che gli si offrono ad ogni più so spinto? Perchè Ulisse dunque è così confuso in fatto di donne?

Perchè Ulisse, la prima e la più perfetta – ancora oggi – metafora dell’uomo occidentale moderno.

In un’ora e dieci di racconto Marco Bonini ripercorrerà insieme al pubblico tutte le tappe femminili del viaggio di Ulisse trovando negli stessi versi di Omero le risposte tragicomiche a questo spinoso rapporto con il femminile dell’uomo moderno che confonde un po’ tutti i maschietti.

A BREVE LE DATE